Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Giornata della memoria 2016

 

La sera della giornata della memoria 2016 i bambini della scuola primaria di Gropparello hanno partecipato a un concerto presso la Società Operaia di Mutuo Soccorso del paese, aprendo la serata in coro col celebre canto ebraico “Gam Gam”. Hanno avuto la grande opportunità di essere accompagnati dalla chitarra di Antonio Amodeo, dalla chitarra e dalla bellissima voce solista di Erica Opizzi e dal clarinetto di Leonardo Zoncati, gli artisti che hanno in seguito portato avanti la toccante serata-concerto.

Gam Gam è stata composta da Elie Botbol, che riprende il quarto versetto del testo ebraico del Salmo 23 dell'Antico Testamento:

 

Anche se andassi

nella valle oscura

non temerei nessun male,

perché Tu sei sempre con me

 

Perché Tu sei il mio bastone, il mio supporto,

Con Te io mi sento tranquillo.

 

Il brano è poi diventato parte della colonna sonora del film “Jona che visse nella balena” di Roberto Faenza.

In collaborazione con la maestra di religione Ludovica Lucini è stato spiegato il significato, il senso profondo del testo, contestualizzato nella realtà che gli Ebrei vivevano durante il periodo della seconda guerra mondiale. I bambini, affascinati e colpiti dal racconto della Shoa, sono stati bravissimi e hanno imparato a memoria il testo della canzone in ebraico e in pochissimo tempo, in quanto l’idea di partecipare attivamente al concerto con questo canto si è delineata e concretizzata a ridosso dello spettacolo, appena due giorni prima.

Ciò mi ha fatto riflettere sul fatto che non bisogna avere paura di parlare di questi temi ai bambini, perché se fatto con dolcezza e delicatezza, capiscono senza subire traumi: loro hanno la sensibilità per capire e per entrare nella giusta atmosfera di rispetto e di raccoglimento. Finché sono piccoli, aperti e ricettivi abbiamo il dovere morale di celebrare con loro la giornata della memoria.

 

Teresa Amodeo

 

 

Progetto

 

 

CLIL NELLA DIDATTICA LABORATORIALE

 

Tipologia di azione: B1. Progetto E-CLIL (primo ciclo)

Rete interprovinciale PIACENZA A EST !

Le scuole in rete, tutti Istituti Comprensivi, partecipano al Progetto per costruire, nell’ambito del curricolo verticale, un percorso condiviso di esperienze e prassi CLIL. I lavori delle scuole trovano nel macro topic “LIFE IN EVOLUTION” il loro filo rosso, nel laboratorio di esperienze il loro ambiente di lavoro e nel CLIL la metodologia cardine di progetto. Le discipline coinvolte coprono gli ambiti scientifico-tecnologico, umanistico-espressivo e motorio. La lingua veicolare è l’inglese, supportata dal necessario scaffolding (espressività non verbale, mapping, rinforzo lessicale…).

Le esperienze evidenziano come la metodologia CLIL possa essere integrata alle pratiche didattiche delle diverse discipline e mirano a gettare le basi per una consuetudine alla predisposizione di lezioni CLIL concrete e dinamiche.

 

Modulo svolto dalle nostre classi:

 

HUMAN EVOLUTION: MIGRATION AND POPULATION CHANGE

 

Insegnanti coinvolte: Paola Campopiano e Sabina Corvi (Lettere); Celestina Fogliazza (Lingua inglese)

 

Classi coinvolte: 3^C e 3^D

 

Materie coinvolte: geografia e inglese

 

Modulo: “Il tema dell’evoluzione nell’ambito della geografia umana” (attività svolta a classi aperte)

 

Ecco il video prodotto dagli alunni di 3D e 3C:

 

 

 

Inno di Gropparello

 

Alla fine dell’anno scolastico 2015-2016 i bambini di tutte le classi della scuola primaria di Gropparello si sono riuniti per cantare quello che diventerà l’inno ufficiale della scuola! È cantato sulla musica della celebre canzone dello Zecchino d’Oro “Katalicammello” con testo composto dall’insegnante di musica.  

 

Imparare a cantare in un coro non è una cosa semplice: innanzi tutto bisogna stare in piedi vicino ai compagni senza cedere alla tentazione di muoversi, giocare, ridere, chiacchierare, e non è da sottovalutare, poiché è una situazione eccitante per i bambini in quanto nuova e diverge dalle solite attività di classe in cui viene più spontaneo stare seduti e in silenzio.

 

 

Inoltre richiede molta attenzione e memoria, bisogna rispettare i turni (coro e solisti) e seguire il ritmo della musica e non il proprio, quello che verrebbe naturale.

Durante le prove, a classi separate e non, i bambini, oltre ad essersi divertiti, si sono resi conto di quanto lavoro occorre per preparare una canzone quando si è in tanti e ci si deve coordinare, sviluppando anche un certo senso critico sulle proprie esecuzioni.  

 

È stato un lavoro lungo e impegnativo ma molto divertente e di soddisfazione da parte di tutti. Ho visto anche bambini con il sostegno e con DSA superare con grande successo le proprie difficoltà di lettura e di memorizzazione pur di riuscire a cantare insieme ai compagni.

Questo mi ha dato conferma che la musica oltrepassa ogni barriera, ha un potenziale formativo a 360 gradi e che noi insegnanti spesso sottovalutiamo; andrebbe usata più spesso come canale e strumento didattico.

 

Vi trascrivo qui sotto il testo, dato che la qualità della registrazione un po’ casalinga non permetterà di sentire bene tutte le parole. Buon ascolto e buon divertimento!

 

Amodeo Teresa 

 

 

DAI VIENI A GROPPARELLO

 

Non tutti sanno che,

che Gropparello è…

 

Che anche se è un paesino molto piccolo, però

è proprio un gioiellino questo posto senza smog.

Se prendi la stradina che dal centro va fin su,

vedrai che ti innamori, non vorrai più scender giù

 

Ma insomma cosa c’è? Ma in somma cosa c’è?

La scuola elementare più ecologica che c’è!

 

Se vieni a Gropparello, vedrai vedrai che bello!

La scuola elementare va ad energia solare!

E proprio a Gropparello c’è anche un bel castello,

e a piedi si può andare in gita a visitare!

 

Facciamo un giretto, veniamo fin lì!

Ok venite qui!

 

E toc toc toc… le bidelle ti apron subito

Però, però se fai il furbo ti controllano,

ti seguono, ti scoprono!

Guarda che ti conviene non sgarrar!

Maria e Lorenza qui, Maria e Lorenza lì…

Al mondo non esistono bidelle così sprint!

 

Su vieni dai, su vieni dai,

su vieni a Gropparello, color verde pastello,

che riesce a rallegrare le tue giornate amare!

Te lo diciamo in coro, ci son maestre d’oro,

ma se le fai arrabbiare poi non ti lamentare!

 

Facciamo un giretto veniamo fin lì!

Ok venite qui!

 

Dai vieni a Gropparello e impara il ritornello,

è molto divertente, insegnalo alla gente!

È un canto guaritore: chi è triste e sconsolato

ascolta la canzone e tutto è sistemato!

 

Facciamo un giretto veniamo fin lì!

Ok venite qui!